Raccontare Gaggiano con immagini e parole

Ferdinando Scianna, primo fotografo italiano a entrare nell’agenzia Magnum, in un’intervista disse: “Il rapporto tra le immagini e le parole è molto importante”. Nel saggio Il mestiere di scrivere, John Gardner, maestro di scrittura creativa di Raymond Carver, diceva che lo scrittore crea, attraverso le parole, “un sogno vivido e continuo fatto d’immagini”.

 

Il rapporto tra fotografi e scrittori in passato ha portato a grandi ed esaltanti collaborazioni. Basta pensare a Hemingway e Robert Capa, allo stesso Scianna con Leonardo Sciascia, per arrivare Robert Frank e la sua intensa attività con Jack Kerouac e gli altri scrittori delle Beat Generation.

 

Il parallelismo tra immagini e descrizioni narrative non è dunque azzardato, anzi, si direbbe addirittura complementare. Ed è Proprio su questa simmetria che è stato ideato il progetto fotografico narrativo realizzato dal circolo Metroshooter in collaborazione con gli scrittori del Circolo narrativo Altre Voci Altri Suoni. Sulla base della proficua esperienza fatta lo scorso anno, in occasione della mostra fotografica di Gaggiano, quando gli scrittori AVAS avevano realizzato dei racconti prendendo ispirazioni dalle fotografie dei MetroShooters, i due circoli hanno deciso di ripetersi anche quest’anno con qualche variazione sul tema.

 

Questa volta, infatti, l’esperimento sarà invertire lo schema d’esecuzione dell’anno precedente. In pratica il progetto sarebbe questo: gli scrittori di AVAS sono stati invitati a scrivere un racconto breve che abbia come tema centrale il Sogno (già! Proprio quel sogno vivido e continuo di cui parla Gardner) e che i fotografi di MetroShooters dovranno interpretare con i loro scatti con tanto di set allestiti, modelli e attrezzature speciali. Il lavoro ottenuto da questa sinergia sarà esposto in una mostra nella sala consiliare del comune di Gaggiano dal 18 al 28 ottobre. Inoltre sarà realizzato un catalogo foto letterario, dove si potrà costatare quel rapporto immagini parole indicato da Scianna.

 

Lo sfondo narrativo - fotografico sarà sempre Gaggiano, con i suoi scorci e le sue contraddizioni, anche se questa volta, l’elemento onirico voluto dagli interpreti di questo progetto, darà alla piccola cittadina sul Naviglio Grande quell’elemento bizzarro e anche un po’ stravagante che nasconde in fondo al proprio animo singolare di piccolo centro che caparbiamente resi

11/09/2012

Sergio Ragno

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

quaz-art: un progetto di Ferruccio Lipari sull'arte sperimentale grafica e arte digitale pittura illustrazione e fotografia ambientazioni oniriche surreali ritocchi fotografici intrattenimento tecniche disegno raster e vettoriale fotografia sperimentale, pittura digitale computer grafica italiana articoli recensioni arte digitale contemporanea, mostre eventi pittura surrealista, pittura sperimentale artisti moderni quaz-art artisti moderni quaz-art arte digitale su quaz-art arte digitale cg digital-art

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.