mostra Loverismo, Il Loverismo è lo specchio della nostra condizione di crisi e il tentativo di superarla

Make Love with us

Nuova mostra del Loverismo

 

Un venerdì pomeriggio di febbraio, freddo e umido. Per terra vi sono ancora i coriandoli, reliquie di un carnevale fuggito troppo in fretta. Sgattaiolo da un balzano corso, in cui hanno cercato di convincermi come la competenza migliore per un manager fosse di saper utilizzare i lego e lanciare bene aeroplanini di carte, e saltando da un bus all’altro riesco ad arrivare in tempo all’Elsa Morante, per la nuova mostra del Loverismo.

 

Bellissimo centro culturale, senza dubbio: forse meno isolato di quanto comunemente si creda.  Eppure, vederlo nella notte, con le sue linee aguzze, mi mette i brividi.  Sarà il buio o il silenzio… Entro nel corpo principale.
L’atmosfera cambia. Sarà la bellezza delle opere o il calore degli artisti, ma il gelo dell’anima scompare improvvisamente. Un paio di bicchieri di vino, qualche chiacchiera, la sala che si riempie. Saltello da un quadro all’altro, ammirandoli.

 

Non c’è la solita fiera delle vanità dei vernissage, in cui si va per essere guardati, piuttosto che per vedere e riflettere. Invece, per una volta, il tempo sembra essere un gambero. C’è quel fervore, quel desiderio di creare e condividere di tempi più felici, in cui l’arte non era decorazione, ma strumento per cambiare il mondo.
Tra un’opera e l’altra, in attesa del mio reading, mi torna in mente una discussione, anche molto accesa, tenuta un paio di mesi fa, sempre qui all’Elsa Morante.

 

L’oggetto del contendere era l’Avanguardia. Vi era chi sosteneva come non avesse più spazio nell’Arte. Perché, in un mondo sempre più omologato, in cui tutti sono uguali, non esistono più avversari da combattere.
Perché, in una società liquida, in cui domina il pensiero debole, non vi è più posto per chi afferma, con le parole e con gli atti, idee di rottura; l’avanguardia presuppone l’idea del Divenire, la possibilità che il Contingente possa mutare: il Post Moderno ha invece imprigionato il mondo in un eterno presente.
Tutte idee valide e sottilmente argomentate, ma che antepongono le proprie illusioni alla percezione della Realtà: questa è un insieme caotico e mercuriale, soggetto a continui cambiamenti e improvvise crisi. L’avanguardia, nella ricerca e nella proposizione del Nuovo e del Diverso, è la risposta che la nostra anima e il nostro intelletto danno a queste crisi.

 

Dinanzi al mondo che si dissolve, al senso comune che si svuota, non possiamo che porci nuove domande, ricercando nuove risposte. E’ l’inquietudine della condizione umana.
 Il Loverismo è lo specchio della nostra condizione di crisi e il tentativo di superarla. In un mondo in cui non esistono più gerarchie codificate, in cui al paradigma neopositivista delle leggi codificate e invarianti si è sostituito quello dell’autopoiesi, del caos che si auto organizza, rovescia l’idea tradizionale dell’avanguardia.
Non un gruppo chiuso, i cui membri devono seguire con fedeltà assoluta i dettami di un fondatore, annullando l’individuo, ma un organismo aperto, in cui principi e idee non sono imposti, ma si costruiscono assieme ogni giorno, affermando il primato della libertà e della condivisione.

 

In una società che esalta il dilettantismo e l’improvvisazione, basti pensare a quanti si autoproclamano grandi fotografi, solo perché hanno una reflex e conoscono un paio di trucchetti con photoshop, il Loverismo afferma con orgoglio il primato della tecnica e dell’impegno nel realizzare un’opera d’arte. Come scrisse il buon Catullo "Parva mei mihi sint cordi monimenta Philetae: at populus tumido gaudeat Antimâcho", ossia, tradotto in termini moderni, è necessario anteporre ai teloni di chi scopiazza foto, opere piccole, ben curate e immaginifiche. Perché, per il Loverismo, la Pittura non è una presa d’atto delle icone della civiltà dell’Immagine, ma la creazione di Mondi.

 

Creazione che, in una società sempre disumanizzante, nasce dalla scelta rivoluzionaria del porre l’Uomo al centro dell’Arte: non il filosofo, che pretende di essere misura d’ogni cosa, ma l’inquieto cercatore, sempre corroso dal dubbio che le sue risposte non siano che vani sogni e illusioni. L’Individuo è fatto di passione e curiosità, non di vani ragionamenti.

 

Mi sento toccare la spalla. E’ il buon Mauro Tropeano che mi invita al reading…  Salgo sul palco, mi sistemo gli occhiali e comincio a parlare…

18/02/2013

Alessio Brugnoli

brugnolialessio@gmail.com

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

strumenti digitali foto-illustrativi matte-painting e computer grafica fotografia sperimentale, surrealismo in arte digitale arte moderna contemporanea, tante fonti di ispirazione fotografia sperimentale, pittura digitale processi creativi computer grafica design strumenti digitali foto-illustrativi matte-painting arte digitale contemporanea, mostre eventi arte contemporanea grafica art-design collages fotopittura illustrazioni fonti di ispirazione pittura surrealista computer-grafica contattaci

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.