La Grande Bellezza

In queste ore, si stanno moltiplicando sia gli elogi sperticati, sia le stroncature gratuite. Essendo da italiano fiero del successo e abitando Sorrentino a un tiro di schioppo da casa mia, per evitare di trovarmelo davanti alla porta con un nodoso bastone, eviterò di dedicarmi sia
Al servo encomio e al codardo oltraggio per cercare di riflettere sulla natura del suo film. Se dovessi definire La Grande Bellezza, utilizzerei l'aggettivo Neoclassico.


Ciò implica un film costruito per piacere a un certo tipo di pubblico, scelto a priori, una forte valenza estetica, Sorrentino ha la capacità di ridefinire le icone, a volte logorate dall'abitudine, della Città Eterna, una componente citazionista e soprattutto quell'ironica malinconia decadente, tipica del Post Moderno.


L'età dell'oro di Roma è ormai conclusa: come per Jep Gambardella, tutte le grandi occasioni sono state perdute e non resta che sopravvivere, con un sorriso amaro sulle labbra. E la speranza di cambiare, di sfuggire al Nulla e alla Noia, è sempre messa in forse dalla pigrizia e della sicurezza dell'abitudine.
E in questo Sorrentino ha ben compreso la dimensione tragica dell'Urbe: la paura della Redenzione, di abbandonare i rassicuranti vizi, che si coccolano e si giustificano, per affrontare la sfida del Nuovo. E' il peso della Storia, del disincanto di aver visto nei secoli tutto e il contrario di tutto.
La Grande Bellezza, da questo punto di vista, è un ritratto fedele, conosco troppe persone, compreso il buon Herbeff, che non sfigurerebbero nelle scene del film.
La questione è che come ogni ritratto, questa è parziale, poiché pone al di là del Tempo un singolo istante, rendendolo eterno.


Roma è la Grande Bellezza, ma è anche molto di più, perché non è una città neoclassica, ma Barocca, capace di comprendere ed esaltare, portandole all'eccesso, tutte le contraddizioni dell'Essere.
Roma è bellezza, ma anche la folle e incomprensibile bruttezza di tante periferie. E' la polvere del Passato, ma anche il fervore caotico che scuote artisti e scrittori, spesso poco compreso da un sistema ingessato. E' pietas, superstizione, anticlericalismo, sensualità, gioco, ossessione per la morte, orgoglio, sciatteria, povertà, sbruffonaggine, inaspettato eroismo, peso di vivere e la testardaggine di andare avanti, nonostante se stessi, il Fato e l'incomprensione di chi ti sta accanto.
Perché Roma è il Mondo e il Mondo è Roma. Per questo molti la amano, perché si sentono compresi nella loro forza e nella loro debolezza, e molti la odiano, perché non hanno la forza di guardarsi allo specchio e di riflettere su stessi.


Auguro, questo sì, a Sorrentino di vincere un altro Oscar, con un nuovo capolavoro che esca fuori dalle terrazze e dai circoli intellettuali, per respirare a pieni polmoni la vita e rendere con pienezza la complessità di questa città, che nelle sue immagini, ha mostrato di amare, ma non di comprendere totalmente.

20/03/2014

Alessio Brugnoli

brugnolialessio@gmail.com

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

quaz-art il portale italiano d'arte sperimentale d'avanguardia grafica e arte digitale pittura illustrazione e fotografia fotografia sperimentale italia creativa arti figurative surrealismo ispirazione surrealismo fotografico rilfessioni sull'arte contemporanea, futurismo computer grafica italiana articoli recensioni computer grafica, tecnologia arte e design computer grafica, design e tecnologia arte digitale contemporanea arte moderna italiana - CG quaz-art: arte sperimentale fotografia digitale digital-art

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.