Nostos/Nόστος

Gerlanda di Francia

Il 25 Ottobre ore 19:00 presso la Be Cause (ArtSpace) , di Lamezia, la pittrice Gerlanda di Francia inaugura la sua personale Nostos; scelta a prima vista originale, visto che il luogo scelto, nonostante il suo fascino storico, è fuori dalle grandi, o presunte tali, scene culturali italiane.

 

Per comprendere a fondo tale scelta, coraggiosa e originale, supportata da un galleria che non ha paura di essere frontiera, punto di partenza per esplorare il nuovo, e da una curatrice, Togaci, amante delle sfide, sempre pronta portare l’Arte dove meno ce l’aspettiamo, forse dobbiamo concentrarci sul titolo stesso della mostra.

 

Nostos, ritorno, parola che a noi, vittime di un mondo senza origini, condannati, come Sisifo, a sforzi vani e privi di scopo, può apparire vana.

 

Tornare a cosa, se la nostra esistenza non è che uno scenario di cartapesta, in cui recitiamo ruoli affibbiati a caso? Alla fine, la profezia di Shakespeare, con la vita ridotta a

Favola narrata da un idiota, piena di strepito e furore, che non significa nulla

Per molti di noi si è realizzata. Tornare è inutile, perché non si è mai partiti: non si è mai rimesso in discussione il proprio quotidiano, per la curiosità di guardare il mondo sotto altri occhi ed esplorare i proprio limiti.

 

Per gli antichi greci, invece, tale parola aveva ancora significato: Nostos era la narrazione del ritorno a casa degli eroi omerici, dopo la presa di Ilio; viaggio lungo e impervio, dove tempeste e mostri simboleggiano le sfide che si pongono alla nostra crescita spirituale.

 

Le traversie della vita, che ci schiacciano con il peso della solitudine. I ricordi del passato, che ci sussurrano come ambigue sirene che il cambiamento non sia necessario, che sia solo fonte di distacco e dolore.

 

I rimorsi per ciò che non sappiamo perdonarci, la tentazione dell’oblio o della amore distruttivo e infelice. Eppure, nonostante tutto, Ulisse riesce a tornare alla sua Itaca: pieno di ferite, ma più ricco e saggio di quando era partito, capace di comprendere più in profondità le proprie radici e apprezzarne con pienezza il valore.

 

E’ quanto accade nella pittura di Gerlanda di Francia. Il suo viaggio artistico parte dalla sua Terra dalle sue fiabe e dalle sue storie, su cui si sovrappongono infiniti miti e culture, dal rapimento di Proserpina alla vendetta di Diana Recco.

 

Viaggio che ha portato la sua pittura a confrontarsi con le istanze del Contemporaneo, con il Pop Surrealism, corrente artistica che trae linfa dall’immaginario dell’Uomo Comune, ma che utilizza le categorie linguistiche del grottesco e del bizzarro, per contestare l’essenza stessa della Realtà, ricondotta a illusione e incubo collettivo.

 

Ebbene, Gerlanda arricchisce ciò con l’introspezione il gusto del mistero e la ricerca di un significato nascosto nelle cose, l’afflato mistico verso l’Assoluto e il pessimismo sulla fallibilità umana; la sua pittura distilla tutto ciò, creando poesie per immagini.

 

Come haiku, in pochi tratti racchiudono la complessità di essere uomini. Ora che ritorna alle proprie radici, le trasfigura, rendendole specchio di noi stessi, della nostra ambiguità di distruttori, vittime del caos e del desiderio di morte, e creatori, affamati del Bello e dell’Eterno.

 

Una pittura che ci invita a seguire i suoi passi: abbandonare il porto sicuro, augurandoci che la strada sia lunga e che i mattini d’estate siano tanti…. E al ritorno, come cantava Kavafis, se troverai povera la tua Itaca, non per questo sarai deluso.

 

Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso

già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

Gerlanda di Francia

Gerlanda di Francia

25/10/2014

Alessio Brugnoli

brugnolialessio@gmail.com

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

artisti digitali su quaz-art il portale d'arte d'avanguardia arte intrattenimento tecniche disegno raster e vettoriale articoli e critiche relative all'arte moderna contemporanea fotografia sperimentale italia creativa arti figurative fotografia sperimentale, pittura digitale ispirazione surrealismo fotografico, arte - cg arte digitale contemporanea, mostre eventi computer grafica italia arti grafiche arte digitale contemporanea collages e mixed media, fotoritocchi quaz-art: arte sperimentale arte contemporanea digital-art

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.