Missione AmArte

Quando, alcuni mesi fa, nacque il Progetto AmArte, molti furono gli scettici, tra politici e addetti ai lavori: l'idea di valorizzare gli asset culturali della Periferia e creare una rete di creatività diffusa nella città di Roma sembrava loro essere ingenua e velleitaria.
Questo scetticismo fu in parte smentito dall'enorme successo di pubblico della prima edizione del Festival: voleva dire come vi fosse in giro fame di cultura e che questa, in qualche modo, dovesse essere soddisfatta. Ciò diede ai promotori dell'iniziativa l'entusiasmo per andare avanti, contro tutto e contro tutti.


Così, in poco meno di un semestre, sono stati organizzati concerti, laboratori con bambini e messe le basi per spazi artistici condivisi, che vanno oltre il concetto tradizionale di galleria, e per un nuovo museo in una scuola.
Ora AmArte, il 4 febbraio, alle 20,30 presso l'HulaHoop Club in via De Magistris 91/93, una delle fucine storiche dell'Avanguardia a Roma, si compirà un ulteriore, ambizioso passo. Sarà dato inizio a un laboratorio culturale, aperto a tutti, per discutere un manifesto, che fungerà da base a un movimento culturale.
Di seguito, la prima bozza, che dovrà e potrà essere arricchita dal contributo di tutte le forze vive della Cultura a Roma e in Italia.
Viviamo in un periodo di crisi culturale e di valori, in cui scarseggia solidarietà, confronto con la diversità, dialogo tra diverse sensibilità. La crisi produce egoismo, cura dei propri interessi a discapito degli altri, diffidenza e razzismo. Alle nuove povertà materiali, se ne affianca una spirituale, più sottile e pericolosa, perché da questa è più difficile emendarsi. L'arte rappresenta un antidoto a questi mali e la via privilegiata per diffondere i valori della tolleranza e la circolazione delle idee.


La Cultura racchiude, emozioni, sentimenti, paure, angosce, speranze, libertà, evasione, talento, opportunità, dedizione, coraggio.
Sette lettere che rappresentano l'intera esperienza dell'Umano: eppure, in questi anni la Cultura è diventata la grande malata dell'Italia. La degenerazione del Potere le ha tolto risorse, nella falsa convinzione che essa non possa avere ricadute economiche e sociali: l'Arte è stata abbandonata a se stessa.
La Scuola, argine contro le disuguaglianze e crogiolo per integrare le diversità, non è valorizzata nel suo ruolo.
Non si è più capaci non solo di apprezzare, ma persino di scoprire il Bello; e lo stesso intellettuale, da sentinella che scruta oltre l'Orizzonte e tafano che scuote una società impigrita, si è chiuso nel suo mutismo, incapace di parlare all'Uomo Comune.
Creatività sembra essere sempre di più una parola antica, desueta, eppure, tutto ciò che siamo è stato possibile perché qualcuno ha creduto nella possibilità di creare e trasmettere qualcosa, di essere fabbri del Futuro.


AmArte reagisce a questa decadenza, proponendo un manifesto inclusivo, perché non discrimina ed esclude a priori ideologie e visioni estetiche, progettuale, perché orientato all'azione concreta e idealista perché vuole riportare la Cultura al centro della Vita.


La pittura, il teatro, la poesia, l'immagine e la musica non sono un di più, da tollerare e rinchiudere in un ghetto, ma linguaggi universali, che, se ben comunicati, riescono ancora a parlare all'Uomo comune coinvolgendolo e mostrandogli come questi non siano un qualcosa di astratto e inutile, ma una necessità e un bisogno naturale.


Per questo AmArte si propone di:
1) Dimostrare che qualsiasi forma d'arte e ogni artista che si impegna a rappresentare il mondo che ci circonda con il suo linguaggio, con la sua fantasia e con il suo coraggio favorisce la circolazione delle idee aldilà dei pregiudizi e delle paure.
2) Diffondere la Creatività, portandola in luoghi a prima vista a lei estranei, come sale consiliari, mercati e centri anziani, nella certezza che questa sia come un lievito, capace di generare sempre nuove idee.
3) Educare alla curiosità, recuperando lo stupore per il Mondo e il dono, che spesso dimentichiamo, di guardarlo sempre con occhi nuovi.
4) Recuperare la dimensione dell'impegno sociale dell'Artista e dell'Intellettuale, in modo che possano tornare a essere partecipi della costruzione del Futuro;
5) Valorizzare i cosiddetti non luoghi e i beni comuni abbandonati, per trasformarli in nodi di una rete di creatività diffusa
6) Valorizzare a pieno gli strumenti forniti dalla tecnologia, come il crowfonding per finanziare progetti mirati o i social network per diffondere le idee
7) Lottare contro la mera mercificazione della Cultura, tutelando al contempo beni culturali in termini di identità, di tradizione, di merito.
Il nostro lontano porto di arrivo è la dove riusciamo a trovare spazi e opportunità per far notare al mondo che Arte e Cultura non si sono mai fermate e che hanno voglia di gridare, per svegliare e scuotere il Mondo.

Missione AmArte

Missione AmArte

02/02/2015

Alessio Brugnoli

brugnolialessio@gmail.com

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

surrealismo: pittura surrealista italiana arte contemporanea quaz-art: un portale d'arte d'avanguardia tutto italiano fotografia sperimentale italia creativa arti figurative articoli e recensioni sul mondo dell'arte digitale fotografia sperimentale, pittura digitale fotorealismo in arte digitale, arte digitale collages fotopittura illustrazioni pittura digitale e fotografia collages fotopittura illustrazioni fonti di ispirazione arte digitale italiana -cg fonti di ispirazione contattaci

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.