Probabilmente, più invecchio, più apprezzo un’arte onesta: un’arte che non promette nulla di più di quello che può dare

L'eredità della Transavanguardia

A quanto pare, questa è la stagione degli anniversari della nascita di movimenti artistici, da celebrare in pompa magna con mostre faraoniche in ogni luogo d’Italia. Prima è toccato all’Arte Povera, adesso, visto che Bonito Oliva non poteva esser da meno di Celant, è il turno della Transavanguardia.


Ora, scrivere un articolo sul movimento di Sandro Chia mi è difficile: semplicemente le loro opere non mi piacciono. Non c’è nessun motivo ideologico e razionale, ma è qualcosa di stomaco e di pelle. Non nasce un’empatia tra la mia anima e le loro opere.


Probabilmente, più invecchio, più apprezzo un’arte onesta: un’arte che non promette nulla di più di quello che può dare. Ciò non avviene con la Transavanguardia. Per dirla papale, papale, i suoi artisti hanno recuperato e si può discutere all’infinito se fuori tempo massimo o con quali esiti, una visione soggettiva di matrice espressionista.


Con un’operazione di marketing audace ed efficace, a tale movimento sono stati attribuiti valori e significati che non gli erano propri.


Il primo, l’idea del recupero del fare pittorico: ora, benché negli anni Settanta nel panorama italiano spiccassero le installazioni dell’Arte Povera, tutti i protagonisti della Pop Art Italiana continuavano imperterriti a produrre, a sperimentare e vendere.


Il secondo, quello che Bonito Oliva ha definito il ritorno dell’arte
ai suoi motivi interni, alle ragioni costitutive del suo operare, al suo luogo per eccellenza che è il labirinto inteso come ‘lavoro dentro’, come scavo continuo dentro la sostanza della pittura
Ossia , tradotto per noi miseri mortali, si è affermato il collegamento tra la Transavanguardia e la tradizione pittorica italiana, in particolare con il Manierismo.


Paragone azzardato, a mio parere. Ora, sia la prima metà del Cinquecento, sia gli anni Ottanta del Novecento sono periodi di crisi intellettuale: tutte le ideologie che avevano sostenuto la visione del mondo delle generazioni precedenti entrano in crisi e risultano inadeguate a spiegare in maniera organica i mutamenti della realtà.


E gli artisti, in entrambi i casi, rispondono a tale crisi, citando, contaminando, esprimendo i turbamenti della propria soggettività: però la differenza tra i due movimenti artistici, al di là dei risultati estetici, è sostanziale.


L’artista manierista aveva la consapevolezza, a volte scettica, a volte tragica, poiché spesso non era soddisfatto o temeva l’esito dei suoi sforzi e delle sue ricerche, di esplorare e creare mondi. Consapevolezza che manca agli artisti della transavanguardia: figli del loro tempo e del postmoderno, sono prigionieri di un eterno presente, convinti dell’impossibilità che le cose mutino e che l’Arte possa mutare il mondo.


La sperimentazione della Transavanguardia aveva una dimensione ludica, non drammatica: e questa superficialità intrinseca non la rendeva capace di descrivere in profondità il peso di vivere dell’Uomo contemporaneo.


Per questo è stata un fuoco d’artificio, più che un movimento capace di incidere in profondità nell’Arte.
Quindi, quell’esperienza è tutta da buttare?


In realtà, l’arte digitale italiana, può guardare con interesse almeno tre idee di Achille Bonito Oliva di quell’epoca:


1. Genius loci: riscoperta delle radici locali e popolari di ciascun artista, che non vive in una torre d’avorio, ma nel mondo e per il mondo. Ciò implica il continuo dialogo con la tradizione ed il cotesto in cui si vive, da reinterpretare, anche polemicamente, e da considerare non come vincolo, ma come trampolino verso il futuro.


2. Ideologia del traditore: liberarsi da qualsiasi norma, ideologia o potere. L’artista deve essere anarchico, simile al tafano di Socrate assegnato dagli dei ad Atene, città simile un cavallo grande e nobile, ma pigro a causa della sua grandezza e bisognoso di essere svegliato. Questa è la funzione dell’artista: non smettere di stare appresso all’Uomo tutto il giorno e dovunque per stimolarlo, convincerlo e rimproverarlo. Farlo riflettere con le opere su cosa è e su cosa dovrebbe essere e su come mutare.


3. Passo dello strabismo: attenzione ai fenomeni laterali e inattesi: essere sentinella dell’alba ed esploratore, battendo sentieri nuovi e sconosciuti, non avendo paura di andar oltre alle certezze comuni tramite il paradosso.
Idee che possono portare alla rottura del loop del postmoderno e a ricominciare a proporre avanguardia.

03/12/2011

Alessio Brugnoli

brugnolialessio@gmail.com

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

strumenti digitali foto-illustrativi matte-painting e computer grafica grafica e arte digitale pittura illustrazione e fotografia fotografia sperimentale, surrealismo in fotografia surrealismo ispirazione surrealismo fotografico rilfessioni sull'arte contemporanea, futurismo fotomanipolazione digitale, fotoritocchi arte arte digitale contemporanea, mostre eventi computer grafica italia arti grafiche arte digitale contemporanea pittura digitale fotografia arte digitale su quaz-art galleria virtuale arte sperimentale

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.