Introducing Samsung GALAXY Note - articolo sponsorizzato da Samsung

I cellulari de Nando

Sponsorizzato da Samsung



Me la ricordo bene, la prima volta che Nando, il barista del bar sotto casa dei miei, scoprì i cellulari. Era l'anno del Mondiale, in cui eravamo perseguitati da Un'estate italiana. Pare che alla radio avessero soltanto quel disco da trasmettere.

 

Mio papà, per motivi di rappresentanza, aveva avuto uno dei primi Tacs. Un accrocco grosso, pesante, ingombrante, ma praticamente indistruttibile. Dovevamo stare attenti che non cadesse, non perché subisse danni, ma per il fatto che scheggiasse i pavimenti.

 

Nando, appena vide mio padre pavoneggiarsi con quell'attrezzo infernale se ne uscì con un

"Aho, ma che te s'è rotto er citofono ? Guarda che er ferramenta è al palazzo accanto"

"Nando, questo è er futuro… Te possono chiamà ovunque…"

"Aho, pensa che rottura"

 

Ma il seme era stato seminato: dopo nemmeno due settimane, Nando si presentò con il suo citofonone, così chiamava amichevolmente il suo cellulare.

 

Così, lento pede, nel suo bar potemmo assistere a tutta l'evoluzione della telefonia mobile: per una specie di compulsione, Nando non poteva fare a meno di comprare il modello di cellulare più evoluto.

 

Con un grosso ma…. Non riusciva a digerire gli smartphone. O per antipatia psicologica, lo associava ad un'ex fidanzata che, ad insaputa di Nando, era molto, molto generosa nel distribuire in giro le sue grazie, o perché, come diceva lui….

 

"Io ce telefono e ce manno sms.. Co' tutti sti ammennicoli strani nun me servono a niente"

 

Per provare ad incuriosirlo, gli rifilai un robottino verde, che doveva simboleggiare Android, che mi avevano regalato come omaggio al Mobile World Congress di Barcellona.

 

Non c'era verso… Finchè non rimorchiò una fissata con facebook e per mantenersi in contatto con lei anche al bar, visto che pareva brutto poggiare il portatile sul bancone, si decise.

 

Ma da vecchio brontolone che è, non faceva che lamentarsi…

 

"E lo schermo è troppo piccolo, io so' già cecato di mio…. Poi co' sta cosa der touchscreen io me trovo tanto male… Primo c'ho i ditoni. Secondo, a me toccà lo schermo me da tanto fastidio"

 

Tentò di passare al tablet… Ma pure con questo, un altro cinema…

 

" 'Sto coso è ingombrante, non so dove metterlo…. Poi pe' telefonà, devo mettè l'auricolare e me è scomodo o mette er viva voce…Ma posso fa sentì l'affaracci mia a tutto er bar ?"

 

Finchè i giorni scorsi, ci si è presentato davanti con un gran sorriso

 

"Regà, ho svoltato"

 

Così tira fuori dalla tasca dei pantaloni Samsung Galaxy Note nuovo fiammante. In coro gli rispondiamo con un

 

"Embè ?"

 

"Somari, nun avete capito niente, è la soluzione a tutti i miei problemi. C'ha lo schermo grosso, quindi quando navigo su Internet, nun devo impazzimme a capì che c'è scritto. Contemporaneamente è leggero e nun ingombra come er tablet

 

E soprattutto… Guardata que, ommini de poca fede…"

 

Con una specie di pennino, comincia a prendere appunti al volo, segnarsi un indirizzo su Google Maps e realizzare schizzi, pure bruttarelli, ma Nando, per fortuna non ha mai preteso di essere un artista.

 

"Questa qui è la S-Pen Stylus, ier pennino che consente di gestire in maniera originale i propri appunti, attraverso la scrittura a mano con riconoscimento della calligrafia, e dare spazio alla creatività con disegni e ritocchi che "prendono forma" con le applicazioni OmniSketch e Zen Brush.

 

In pratica, lo schermo "sente" la pressione e traccia liee più spesse quando premo, proprio come se avessi in mano un pennarello

 

Poi pe te che sei ingegnere, è 'na mano santa… Leggì qua. Samsung Galaxy Note ti offre poi soluzioni aziendali, come la possibilità di firmare i documenti in maniera legalmente certificata e gestire i documenti del pacchetto Office (Power Point, Excel e Word) con PolarisOffice. Non manca ovviamente il supporto al formato Pdf con qPDF Notes."

 

Così Nando è diventato un evangelista di questo smartphone… Il suo primo convertito è stato il buon William Herbeff che ha cominciato a girare per Roma, buttando giù schizzi per i suoi quadri usando il Samsung Galaxy Note.

 

Perché, come afferma lui, chi non sa disegnare non può definirsi pittore…

11/11/2011

Alessio Brugnoli

brugnolialessio@gmail.com

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

quaz-art: un progetto di Ferruccio Lipari sull'arte sperimentale quaz-art: un portale d'arte d'avanguardia tutto italiano surrealismo fotografico, arte moderna contemporanea recensioni sul mondo dell'arte digitale italiana processi creativi computer grafica design cg - fotoritocco e fotomanipolazione pittura surrealista, surralismo in arte, mostre sperimentazioni fotografiche collages fotopittura illustrazioni pittura digitale fotografia artisti moderni italiani surrealismo digitale surrealismo

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.