Gli oggetti, le stanze, i bambini che pittori di minor genio avrebbero reso banali, ci scavano e ci illuminano

La Pittura d'Inquietudine

sull'Opera di Roberta Serenari

Lo ammetto senza vergogna: per me è difficile scrivere di Roberta Serenari. Perché la ritengo una grande pittrice e perché critici ben più preparati di me si sono confrontati con la sua arte. Il rischio, sempre presente per un dilettante come il sottoscritto, di scrivere qualche boiata, mi spaventa.

 

Per cui, invece di avventurarmi in arzigogolate analisi, mi limito a descrivere le sensazioni, forse banali, che provo confrontandomi ogni volta con i suoi quadri.

 

Può sembrare strano, ma guardandoli mi tornano in mente gli amici del poeta Pessoa. Lo incrociavano ogni giorno in qualche caffè, dove sorseggiava il suo amato brandy Águia Real. Sapevano che viveva con poco, lavorando nella traduzione della corrispondenza commerciale dall'inglese al portoghese, attività che secondo me è di una noia mortale, e che aveva una qualche ambizione letteraria.

 

Qualche giorno dopo la sua morte, per curiosità o onorarne la memoria, aprirono il baule dei manoscritti, di cui il poeta era sempre stato geloso. E per poco, non rischiarono un colpo apoplettico.

 

Scoprirono infatti che la cultura portoghese degli ultimi trent'anni era, per la sua quasi totalità, uscita dalla testa di Fernando Pessoa o, meglio, di Fernando Pessoa e di tutti quei personaggi che la sua schizofrenia o la sua genialità avevano creato, costruendo, per ognuno di essi,una vita.

 

Alberto Caeiro, Ricardo Reis, Alvaro de Campos e tanti, tanti altri, che avevano animato la letteratura portoghese creando movimenti d'avanguardia, riviste culturali, corrispondendo tra loro, polemizzando e stroncandosi.

 

Furono consapevoli che l'amico tanto banale era l'Enigma, non ciò che mischia realtà e finzione, ma ciò che svela comprensioni di più ampie, costringendoci ad andare oltre l'Apparente.

 

Lo stesso vale per i quadri di Roberta: gli oggetti, le stanze, i bambini che pittori di minor genio avrebbero reso banali, ci scavano e ci illuminano, costringendoci a rimettere in discussione quanto diamo per scontato, la legge di induzione che condiziona le nostre vite.

A forza, la sua pittura ci costringe ad essere come Bernardo Soares, scossi dall'inquietudine, la facoltà di vedere oltre l'apparente e di cogliere l'immenso nel minuto. Di aprire delle finestre dentro noi stessi, in quell'universo inesplorato, che troppo spesso vogliamo ignorare.

 

E' il bisturi con cui la Realtà ci seziona, rendendo concreta la sensazione di estraneità e di solitudine che, sublimata, ci porta a tessere relazioni con la gente che ci circonda.

 

Pittura maestra di sospetto, ma che ci guida alla costruzione di mondi… Perché come diceva un altro gran poeta, Borges

 

Chi si bagna in un fiume si bagna nel Gange.
Chi guarda una clessidra vede la dissoluzione di un impero.
Chi maneggia un pugnale prevede la morte di Cesare.
Chi dorme è tutti gli uomini.

 

Ho visto nel deserto la giovane Sfinge appena scolpita.
Non c'è nulla di antico sotto il sole.


Tutto accade per la prima volta, ma in un modo eterno.
Chi legge le mie parole sta inventandole.

 

E chi guarda i quadri di Roberta, li reinventa, donandogli infinite vite…

07/11/2011

Alessio Brugnoli

brugnolialessio@gmail.com

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

quaz-art il portale italiano d'arte sperimentale d'avanguardia matte painting e compositing, tecniche di illustrazione articoli e critiche relative all'arte moderna contemporanea surrealismo ispirazione surrealismo fotografico arte surrealismo ispirazione surrealismo fotografico cg - fotoritocco e fotomanipolazione computer grafica, tecnologia arte e design computer grafica italia arti grafiche arte moderna, pittura d'avanguardia fotografia sperimentale artisti moderni italiani surrealismo arte sperimentale

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.