selvaggia maria,serra,selvaggia,arte digitale,quaz-art,arte sperimentale,arte contemporanea,artisti contemporanei,arte d'avanguardia

  • Selvaggia Maria Serra SELVAGGIA
  • Selvaggia Maria Serra SELVAGGIA
  • Selvaggia Maria Serra SELVAGGIA
CONDIVIDI QUESTO ARTISTA
x

Contatta Selvaggia Maria Serra - SELVAGGIA

Richiesta Informazioni

Accetto le condizioni sulla privacy Si No

 

Trascrivi il codice

Maria Serra in Arte Selvaggia nasce a Torino e si diploma nel Liceo Artistico di Lecce. Nell '86 si trasferisce a Roma per continuare gli studi. Frequenta l'Istituto Superiore di Fotografia, specializzandosi in reportage e foto di scena. Lavora così per 11 anni in questo settore . Contemporaneamente si occupa della cura delle immagini per diversi fotografi della capitale destinate alla mostra della Sicof di Milano. Per lo stesso motivo gli vengono affidate delle Campagne pubblicitarie come : Il Banco di Roma, “Il cavallo nel mondo della Pubblicità”, mostra ideata da Luciano Pavarotti a Bologna. Nel 2000 consegue un'altra specializzazione all' ENGIM di Roma, in grafica e fotomontaggio, ottenendo l'attestato come tecnico multimediale. Il suo impegno diventa costante dal 2010 quasi per caso...visitando un sito Artistico con lo scopo di contattare artisti e proporre Gallerie d'arte in grafica 3D e Video Art. Selvaggia apre una sua pagina con la sezione di Digital Art, pubblicando dei lavori di grafica che aveva lì nel suo computer. Riscontra un immediato consenso da parte di altri artisti che presto diventeranno suoi colleghi. Inizia così un percorso con l'Arte digitale per ritornare oggi al suo antico linguaggio...la pittura. Partecipa a diverse collettive ricevendo premi sia da giurie popolari e da giurie tecniche in diversi concorsi in Italia. La si vede impegnataad un progetto “Worning Planet” in Uruguay per il Museo Pedagogico dove è presente una sua opera “Il bambino e lo spaventapasseri,” l'opera diverrà permanente nel Museo. Nel 2012 Selvaggia realizza la sua prima personale a Pomezia (Roma), nella Galleria Hesperia dal tema: “ Anno 2012 dai Maja a Nostradamus...ai giorni nostri”. L’artista, pretestuosamente, prende in considerazione le innumerevoli ipotesi catastrofiche ed apocalittiche che affollano i più svariati mezzi di comunicazione, ovvero le culture popolari o religiose. L'artista traduce e rielabora in segni e colori tecnologici le “profezie”. Per la valenza culturale ed il chiaro riferimento alle tematiche ambientali l’evento ottiene il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e dell’Assessorato alla Tutela dell’Ambiente della Città di Pomezia. La mostra di Selvaggia parte da Pomezia per diventare sorprendentemente itinerante. Viene invitata ad esporre presso la Fiorillo Arte Riviera di Chiaja a Napoli, dalla Associazione“Le Tre Ghinee” per approdare infine al Museo MAMEC di Cerreto Laziale. Dal 2012 al 2014 è impegnata ad esporre in Gallerie e Musei con temi sociali e per la tutela dell'ambiente . Selvaggia dichiara: "Oggi per me l'Arte non è solo virtuosismo tecnico ma è una forma di comunicazione, strumento di protesta e di provocazione per indurre la gente a riflettere su questo particolare periodo della nostra esistenza, sentendomi così una narratrice del mio tempo.

Portfolio

Il mio lavoro artistico su Anno 2012 dai Maya a Nostradamus sino ai giorni nostri non Ë partito dalla convinzione che nella notte del 21 Dicembre ci sara' la fine del mondo, come lo si prospettava nel 2000. Ma la motivazione di questo lavoro è iniziata due anni prestando attemzione ai numerosi tsunami e terremoti che spazzavano via intere citta' dall'altra parte del globo. Noi stiamo vivendo un'epoca Antropoce solo nel 2011 ci sono stati 950 catastrofi nel mondo legate ai cambiamenti climatici. L'essere umano, assetato di potere economico e di gloria ma privo di coscienza, con le sue sperimentazioni ha deturpato il sistema eco ambientale dell'intero pianeta...Sullo stato di salute del nostro pianeta :se lo vogliamo salvare, bisogna che ci sia un cambiamento radicale del pensiero umano. Il potere economico e scientifico urge di un cambiamento di rotta verso una maggiore sensibilità globale.

Il mio lavoro dal titolo “Pensiero cosmico viaggio astrale”, è stata una notizia letta sul web: diversi stati, incluso il Vaticano, partecipa ad comune progetto scientifico...dai costi innominabili, si è alla ricerca di un pianeta simile alla Terra perchè il nostro, presto o tardi sarebbe giunto al collasso dovuto a Elios. Nel sistema solare hanno mandato diverse sonde spaziali ma quella che ha raccolto più dati sul suolo di ogni pianeta, che costituisce il nostro sistema solare è la sonda Voyager 1. Questo robottino ha percorso le viscere di ogni pianeta filmando e prelevando campioni di terreno, misurando temperature e valutando situazioni atmosferiche e quant'altro per poi farne dei parametri con il nostro habitat, valutando se un tempo altre forme intelligenti popolassero questi pianeti. Il pianeta che sembra avere queste tracce è il pianeta Marte La sonda Voyager1 ha attraversato la via Lattea per finire nello spazio interstellare, presumendo l'esistenza di tantissime altre forme di intelligenza su altri pianeti sparsi nel cosmo. Questa non è una novità, il cinema è un promotore di queste tematiche e ancor prima lo sono stati gli scrittori. Ora la scienza sta prendendo seriamente in considerazione tutto questo, avendo trovato solidi basi per consolidare questa ipotesi. La NASA era alla ricerca di un pianeta simile alla Terra e sembra che lo abbiano trovato, lo hanno battezzato Keppler22b il fratello gemello della Terra. Un pianeta nuovo incontaminato...da sfruttare, colonizzare o forse da inquinare? E' iniziato così il mio viaggio cosmico, prima su qualche pianeta del nostro sistema solare, come Saturno – Nettuno -Marte... Un viaggio senza effetti speciali, raffigurato da tinte pittoriche a volte mono cromatiche, dove si trovano tracce dell'essere umano che con le proprie mani ha rappresentato la bellezza scolpendola nei marmi ormai corrosi dal tempo. Bellezza che oggi fa da cornice alle nostre città e musei, valorizzandole e abbellendole...mi chiedo, se queste sculture e antichi monumenti, come il Colosseo, resti di antiche civiltà non esistessero nel mondo, forse le nostre città... non sarebbero grigie giungle soffocate dal cemento? La bellezza salverà il genere umano perchè essa è sinonimo di armonia. L'essere umano deve ritornare a questi antichi valori non solo artistici ma anche ritrovare l'equilibrio con la natura e il cosmo. Tutto ci collega. Invece quell'equilibrio sembra sia stato alterato dalla sua stessa tecnologia andata forse troppo in là. I cyborg stanno sostituendo l'uomo nel suo lavoro. Il lavoro un tempo era un diritto nella nostra società, oggi un privilegio, domani forse sarà solo storia. Riusciremo a sopravvivere o saremo annientati nelle coscienze dalla biogenetica? Quale sarà il futuro di questa nostra civiltà?...Ci stanno già microchippando, questo è avvenuto a Stoccolma a 700 dipendenti a cui è stato proposto di microchipparsi, a breve quindi saremo tutti maggiormente controllati, catalogati e manovrati dal potere che eserciteranno solo pochi sulle masse. Ecco che attraverso i miei dipinti forme intelligenti di altri pianeti hanno salvato la bellezza, l'Arte preservandola da catastrofi forse ambientali e forse da strani venti di guerra o atti terroristici ...non si sa... Questi elementi scultorei e monumentali sono in perfetta armonia lassù...nel cosmo. Il mio viaggio è appena iniziato incontrando nel mio onirico esseri di altri pianeti ed il loro ambiente. Prendono vita sulle mie tavole questi esseri come delle estemporanee, testimonianza di uno onirico? ... Oppure un vero viaggio astrale? Io non mi definisco un'artista ma una narratrice del mio tempo che del tempo che verrà..... Selvaggia Maria Serra

Artisti in Evidenza

Iscrivendoti alla nostra newsletter tutte le novità ti verranno notificate via e-mail

+ Servizio di Newsletter

Iscrizione Cancellazione

ULTIME IMMAGINI CARICATE

quaz-art il portale italiano d'arte sperimentale d'avanguardia arte d'avanguardia: arte digitale, pittura surrealista ambientazioni oniriche surreali ritocchi fotografici surrealismo ispirazione surrealismo fotografico ritocchi fotografici reflex fotografia set fotografici ispirazione surrealismo fotografico, arte - cg processi creativi computer grafica design pittura surrealista, pittura sperimentale collages fotopittura illustrazioni pittura digitale fotografia quaz-art: arte sperimentale computer-grafica digital-art

L'Avanguardia Futurismo Surrealismo Arte Digitale Pittura Digitale Matte-painting Arte Generativa Cos'è l'arte digitale?

Il browser da te utilizzato non rispetta gli standard di sicurezza necessari per navigare questo sito. Per la nostra (e la tua) incolumità ti consigliamo di navigare utilizzando un browser più recente:

 

» Scarica l'ultima versione di Google Chrome

» Scarica l'ultima versione di Firefox

Per motivi di sicurezza non è possibile navigare questo sito senza l'ausilio di Javascript; che tu stia utilizzando un dispositivo di tipo mobile o desktop ti consigliamo di spuntare la voce relativa dalle impostazioni di navigazione.